Visita alla Villa di Massenzio

03 marzo

Una visita alla Villa di Massenzio lungo la via Appia Antica: una delle più belle aree archeologiche di Roma ad ingresso gratuito.


Villa di Massenzio Roma

La via Appia Antica è una delle mie zone preferite di Roma: pace, silenzio, verde, e tanta storia si raccolgono lungo questa importante arteria realizzata nel 312 a.C. per collegare Roma a Brindisi; usata fin dall'antichità non solamente come luogo di sepoltura, ma anche come collocazione ideale per lussuose ville suburbane. Una di queste è la Villa dell'Imperatore Massenzio, fatta costruire tra il 306 e il 312 d.C., anno in cui venne sconfitto dal rivale Costantino nella Battaglia di Ponte Milvio.

Fortemente determinato a ripristinare la grandezza della Roma imperiale, Massenzio fu promotore di importanti opere edilizie come la maestosa Basilica nell'area del Foro Romano, poi rimaneggiata da Costantino.

Per la sua dimora suburbana, tra il II e il III miglio della via Appia Antica, Massenzio pensa di abbinare al palazzo un circo privato la cui capienza non superava le 10.000 persone, un numero decisamente modesto se si pensa alle 200.000 del Circo Massimo!
Se del palazzo oggi vediamo poco più di un rudere, il circo invece è considerato un punto di riferimento per la ricostruzione di tutti gli altri circhi esistenti al mondo, essendo l'unico pervenutoci con le murature ancora ben conservate. Dalle indagini gli archeologi non hanno rinvenuto nessuna traccia della sabbia che doveva ricoprire la pista da corsa dei cavalli, cosa che ha fatto supporre che l'edificio non sia mai stato utilizzato per gli spettacoli.

villa di Massenzio Roma

L'accesso attuale all'area archeologica immette subito al circo del quale si distingue molto bene la pianta allungata, con i carceres (il punto di partenza dei cavalli) da un lato, e l'arco trionfale (l'antico ingresso principale) all'estremo opposto al centro del lato semicircolare. La lunghezza si sviluppa lungo 300 metri; la spina centrale attorno alla quale giravano le bighe in corsa era decorata al centro da un obelisco, che oggi svetta al centro di Piazza Navona a decorare la Fontana dei Fiumi del Bernini; 7 erano i giri che le bighe facevano attorno alla spina.
Gli spettatori entravano dalla porta trionfale e dalle porte di accesso laterali, e si sedevano sulle gradinate distribuite lungo i lati longitudinali. L'imperatore aveva un accesso privato direttamente dal palazzo, e il podio a lui riservato è ancora visibile al centro del lato lungo più vicino al palazzo.

Villa di Massenzio Roma spina e arco trionfale

Durante la costruzione della Villa, muore disgraziatamente Romolo, figlio di Massenzio, all'età di 9 anni. Alla Villa viene quindi aggiunto il mausoleo, una degna sepoltura per il figlio dell'imperatore, del quale è oggi visibile la grande camera funeraria a pianta circolare.
Il casale settecentesco addossato al mausoleo ha fortemente modificato l'impianto originale, che doveva forse prevedere una copertura a cupola aperta su modello del Pantheon, e un portico anteriore che fungeva da ingresso principale, rivolto verso la via Appia Antica, con timpano e colonne alla maniera templare.
Quello che possiamo vedere oggi è solamente il livello inferiore dell'intero mausoleo, con l'anticamera quadrangolare e l'ambiente circolare dove presumibilmente era deposto il sarcofago.
L'interno oggi è molto spoglio, ma doveva sicuramente essere riccamente decorato con marmi e stucchi.

Villa di Massenzio Roma_mausoleo di Romolo

Per lungo tempo il Circo e il Mausoleo sono stati erroneamente conosciuti come circo e stalla di Caracalla. Fu grazie ad una iscrizione rinvenuta nella porta trionfale del Circo, sul lato opposto rispetto alla via Appia Antica, che fu possibile attribuire definitivamente quest'area all'imperatore Massenzio.

L'area archeologica della Villa di Massenzio si trova in via Appia Antica 153.Aperta dal martedì alla domenica dalle 10 alle 16, l'ingresso è sempre gratuito.

You Might Also Like

0 commenti

Lettori fissi

Credits & Disclaimer

I contenuti presenti sul blog "ViaggiArteTurismo", dei quali è autrice la proprietaria del blog, non possono essere copiati, riprodotti, o redistribuiti perché appartenenti all'autrice stessa, salvo specifica richiesta scritta.
Tutte le fotografie e i contenuti multimediali pubblicati sono creati dall'autrice o forniti dagli uffici stampa, salvo diversa segnalazione. In caso di riconosciuta proprietà prego segnalarlo all'indirizzo email viaggiarteturismo@gmail.com.
L'utilizzo delle immagini dal blog è consentito solo tramite segnalazione del photo credit.
Copyright © Claudia Pettinari - ViaggiArteTurismo