Una domenica al museo a Monaco di Baviera

12 luglio

Una domenica di pioggia a Monaco di Baviera può rivelarsi una splendida giornata dedicata alla visita di qualche museo, per conoscere alcune tra le principali collezioni d'arte in Europa. Il tutto al costo di solamente 1 euro!

neue Pinakothek Monaco di Baviera
Honoré Daumier - Neue Pinakothek, Monaco di Bavera
Alte Pinakothek, Neue Pinakothek, Pinakothek der Moderne: costo complessivo 3 euro.
Quando ci si reca per un weekend nel nord Europa si sa, facile beccarsi una giornata di pioggia.
Ma se quella giornata è proprio una domenica a Monaco di Baviera non disperate: ecco a voi un'ottima occasione per andare a vedere tre pinacoteche tra le maggiori in Europa.
Prendete nota: tutte le domeniche i musei a Monaco di Baviera costano 1 euro.

I principali musei della città sono concentrati in un'unica zona, il Kunstareal, a metà strada tra le fermate della metropolitana Odeonsplatz e Universität, non lontano da Marienplatz, la piazza principale.

Trovandomi per la prima volta in città ho scelto l'itinerario più classico, le tre principali pinacoteche, iniziando dalla Alte Pinakothek fino alla collezione d'arte contemporanea della Pinakothek der Moderne: un viaggio attraverso l'arte dal medioevo ai giorni nostri. I tre edifici sono talmente vicini che non ci sarà nemmeno bisogno dell'ombrello!

Alte Pinakothek 

alte pinakothek monaco di baviera

La Alte Pinakothek, Pinacoteca d'Arte Antica, raccoglie capolavori dal Rinascimento al Settecento. Il suo primo nucleo si deve a Gugliemo IV Wittelsbach, e ad altri componenti della stessa famiglia reale si deve la sua crescita. Il palazzo che oggi raccoglie tutta la collezione risale alla prima metà dell'Ottocento, concepito per contenere anche capolavori di grandissimo formato come il Grande Giudizio Universale di Rubens. Da non dimenticare che, oltre ad altre opere di artisti italiani come Raffaello, Botticelli, Perugino, i veneti Tintoretto, Tiziano, pittori francesi, spagnoli, olandesi, qui è possibile perdersi nello sguardo ipnotizzante dell'Autoritratto di Dürer.
Attualmente il museo è in fase di ristrutturazione per cui diverse sale fino al 2017 sono purtroppo chiuse al pubblico. Per questo motivo, ahimé, la mia permanenza in questo museo è stata la più breve dei tre, e credo di aver visto giusto poco più della metà di tutta la collezione.

Neue Pinakothek

neue pinakothek monaco di baviera

Attraversando la strada si raggiunge la Neue Pinakothek, Pinacoteca d'Arte Moderna, che raccoglie invece opere che vanno dalla Rivoluzione Francese al primo Novecento. 
L'edificio che oggi ospita la collezione risale agli anni Ottanta, in sostituzione al precedente completamente distrutto durante la seconda guerra mondiale.
Qui, la sala più affollata è decisamente quella con i Girasoli di Van Gogh e La nascita di Cristo, il figlio di Dio di Gauguin. Ma questa è solo una delle ultime sale: se siete arrivati fin qui vuol dire che avete avuto la fortuna di trovarvi davanti a Canova, Turner, Courbet, Delacroix, Manet, Cézanne, Monet, per dirne solo alcuni.

Pinakothek der Moderne


Girando l'angolo, infine, ecco la Pinakothek der Moderne, Pinacoteca d'Arte Contemporanea, dedicata al XIX e XX secolo dove, vista la giornata festiva, è facile trovare concerti o performance. Amanti o non amanti dell'arte contemporanea fateci un salto a vederla perché l'atmosfera è molto easy, il bar è pieno di gente e, oltre ad una bella sezione sul design, le prime sale del museo raccolgono bellissime opere dei grandi del Novecento come Bacon, Kandinsky, Matisse, Dalì, Picasso, Braque, Magritte, Burri, Fontana, Beuys.
Se invece siete amanti dell ultimissime tendenze dell'arte contemporanea fermatevi fino alle ultime sale con le esposizioni temporanee.

Ecco una mia giornata ideale: una domenica nei principali musei a Monaco di Baviera, da chiudere in bellezza con birra e apertivo. Cosa chiedere di più?!

You Might Also Like

0 commenti

Lettori fissi

Credits & Disclaimer

I contenuti presenti sul blog "ViaggiArteTurismo", dei quali è autrice la proprietaria del blog, non possono essere copiati, riprodotti, o redistribuiti perché appartenenti all'autrice stessa, salvo specifica richiesta scritta.
Tutte le fotografie e i contenuti multimediali pubblicati sono creati dall'autrice o forniti dagli uffici stampa, salvo diversa segnalazione. In caso di riconosciuta proprietà prego segnalarlo all'indirizzo email viaggiarteturismo@gmail.com.
L'utilizzo delle immagini dal blog è consentito solo tramite segnalazione del photo credit.
Copyright © Claudia Pettinari - ViaggiArteTurismo